ARTICOLI STUDIO DA RE

Belle Arti, fotografia e scienza

UN SECOLO DI STORIA

Evoluzione fotografica

Ancora prima che lo Studio Da Re venisse fondato, Umberto Senior fotografava i quadri e le belle arti della Pinacoteca Carrara a Bergamo. La passione per la fotografia si è trasmessa per quattro generazioni e ancora oggi lo Studio riproduce quadri, affreschi, sculture e bassorilievi con le più avanzate tecniche e le più innovative strumentazioni fotografiche per offrire la massima qualità. Tra i nostri lavori più importanti troviamo le fotografie delle opere di tutti i più grandi artisti tra i quali: Mantegna, Tiziano, Raffaello, Leonardo, Moroni, Lotto, Bellini e Tintoretto.

Utilizziamo il sistema Fujifilm GFX100 da 400Mpx che ci permette di realizzare scatti dalla dimensione nativa di 196,97×147,97 cm a 300ppi (23264×17448). Grazie al sensore di 43.8mm x 32.9mm molto più grande di quello delle fotocamere reflex 35mm, si possono ottenere immagini ancora più nitide e con ricchi dettagli.

INDAGINI MULTISPETTRALI

Verso il restauro

Le indagini multispettrali che lo Studio fornisce sono finalizzate alla lettura del dipinto in vista di un restauro e alla diagnostica dello stesso, utilizzando tecniche che si avvalgono dell’uso di radiazioni a diverse lunghezze d’onda, garantendo letture che variano dal riconoscimento dei pigmenti e all’individuazione di zone di degrado o precedentemente restaurate, all’analisi del disegno preparatorio dell’artista.

Rgb: immagini in alta definizione nel visibile;
Riflettografia infrarossa a 1000nm;
UV: illuminazione con fonte di radiazione ultravioletta;
IRFC: tecnica attributiva del falso colore.

RIFLETTOGRAFIE INFRAROSSO

Oltre lo strato pittorico

Grazie alla riflettografia infrarossa siamo in grado di fotografare lo spettro fino ai 1000 nanometri, normalmente invisibile all’occhio umano e di restituire immagini del disegno preparatorio dell’artista; queste oltre a definire un aspetto stilistico evidenziano i materiali usati per la preparazione del dipinto. Vengono, inoltre, resi visibili pentimenti dell’artista.

INDAGINI UV

Ecco dove intervenire

La ripresa fotografica effettuata con luce UV permette lo studio della fluorescenza ultravioletta che risulta determinante per la caratterizzazione dei materiali organici, per valutarne la loro distribuzione sulla superficie delle opere e le zone di degrado su cui intervenire.

IL FALSO COLORE

Verso il restauro

Il metodo attributivo del falso colore restituisce un’immagine a colori sfalsati che, in base alla composizione chimica del pigmento, riesce ad individuare i colori utilizzati nello strato pittorico da parte dell’artista.

TECNICA MOSAICO

Se 400mpx non bastano

Riproduzione eseguita con la tecnica del “mosaico”, le linee tratteggiate indicano le sezioni fotografate singolarmente e assemblate in un’unica immagine. Questa tecnica consente di raggiungere una risoluzione pari a N moltiplicato per 400mpx.

COLORE E GAMMA DINAMICA

Per esaltare tutti i dettagli

Grazie alla profondità colore fino a 16Bit otteniamo una resa cromatica pari alla realtà. I colori delle riproduzioni vengono calibrati grazie ad una scala colore universale di riferimento. La Gamma Dinamica indica la capacità di vedere dettagli contemporaneamente in aree molto chiare e aree molto scure della scena. I 16Bit colore abbinati alla Gamma Dinamica da 15 f-stops della Hasselblad H6D 100c ci permette di ottenere un’immagine molto fedele alla visione dell’occhio.

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui tuoi social!

Paolo Da Re

Paolo Da Re

Fondatore, Fotografo, Commerciale B2B

hai in mente un progetto?

CONTATTACI

Form tutto il sito